Scegli la tua città
Scegli la tua città

Dove fare after dopo l’after a Brescia, secondo Taz di Rehab

Chi mi conosce lo sa: le sei del mattino le vedo ogni tanto quando devo prendere aerei o treni, ma certamente mai dopo una serata in discoteca. Ecco quindi che nel momento in cui mi sono ritrovato a dover parlare di cosa fare all’alba a Brescia, mi sono sentito in difficoltà: quando le attività commerciali aprono (o chiudono), tendenzialmente io sono nella fase rem, ben lontano da after, pizzette e croissant appena sfornati.

Taz Looney Goons, ideatore di Bragging e dj di Rehab, istituzioni del del clubbing bresciano, ci racconta dove continua a far serata dopo la sua serata

Foto via Facebook

Mi è quindi venuto spontaneo chiedere aiuto a qualcuno che da anni rappresenta il mondo della notte a Brescia e che mi avrebbe potuto guidare in questo breve excursus su ciò che accade in questa – per me ignota – fascia oraria. Taz Looney Goons, ideatore di Bragging e dj di Rehab, ormai istituzioni della scena del clubbing bresciano, viaggia tra trap e bass music ed è da questa sua attitudine, vicina alla mentalità rap, che sono nate le meglio riuscite realtà cittadine. Non sono qui per chiedergli delle nuove tendenze musicali, ma sugli ultimi posti dov’è possibile fare after fra pizzette, cornetti e alba.

Taz Looney Goons, ideatore di Bragging e dj di Rehab, istituzioni del del clubbing bresciano, ci racconta dove continua a far serata dopo la sua serata

Foto via Facebook

“Se una serata finisce alle quattro del mattino, raramente mi sgancio dal locale prima delle cinque e mezza, sei – mi dice Taz – A quell’ora, tante cose le ho già perse e spesso ho solamente voglia di rilassarmi un attimo prima di tornare a casa”.

Taz Looney Goons, ideatore di Bragging e dj di Rehab, istituzioni del del clubbing bresciano, ci racconta dove continua a far serata dopo la sua serata

Foto via Facebook

“In generale in provincia durante la settimana si fa fatica a trovare qualcosa di aperto, quindi spesso opto per i paninari parcheggiati di fronte al Circus: non ci fermiamo tanto per il cibo, quanto per concludere la serata in ballotta, addentando pane e salamella. L’alternativa è la Forneria Bonomi di via Milano, che già verso le 4.30-5 ti dà la possibilità di mangiare cose buone che non ti spaccano lo stomaco. Io prendo sempre la focaccia ripiena con formaggio prosciutto e maionese: te la consiglio”.

Taz Looney Goons, ideatore di Bragging e dj di Rehab, istituzioni del del clubbing bresciano, ci racconta dove continua a far serata dopo la sua serata

Foto via Facebook

Se invece dopo Bragging, la serata del sabato al Latte Più, vuole ancora un’ultima birretta rimane in tema vinile. “Vado al Vinile45, uno dei pochi locali che tira fino alle 6 del mattino: è gestito da un mio caro amico e mi fa sentire a casa. L’alternativa è andare tutti a casa mia o da qualche amico, per concludere la serata. La vera tappa fissa post Bragging è però il Mc Donald’s di Campo Grande: è vicino a moltissimi locali e fa partnership con le varie serate, al punto che fa sconti dedicati e addirittura ci fa suonare quei dj che poche ore prima erano in consolle nei club vicini. La festa, in pratica, si trasferisce lì: c’è sempre un casino di gente che vuole continuare a divertirsi”.

Taz Looney Goons, ideatore di Bragging e dj di Rehab, istituzioni del del clubbing bresciano, ci racconta dove continua a far serata dopo la sua serata

Foto via Facebook

Per digerire il McMenù la tappa è la Pasticceria Elisabetta, verso piazza Arnaldo, “Un bel bar che apre presto, dove ti puoi fare una buona brioche, un caffè e -perché no- pure una grappetta”. Sempre in zona, per chi invece della grappa vuole una pizza spaziale, Taz consiglia FoodLab. “Se poi vuoi un kebab aperto all’alba c’è il Copacabana in via Orzinuovi, proprio di fianco all’omonima discoteca”.

Taz Looney Goons, ideatore di Bragging e dj di Rehab, istituzioni del del clubbing bresciano, ci racconta dove continua a far serata dopo la sua serata

Foto via Flickr

Se vuoi gustarti un panorama invece: “Abbiamo la fortuna di avere un monte in città: senza farti 800 tornanti, puoi andare in Briscola alla Maddalena. Ti ci porti la tipa e stai tranquillo. Capita poi che si finisca semplicemente a giocare a calcetto in qualche parcheggio di Brescia 2, usando i cappellini come pali della porta, o a fare del parkour improvvisato”.

L'autore: Michele Pagani

Michele Pagani è consulente di digital strategy, mobile e web marketing. Ex research assistant presso l'Università Bocconi di Milano, vanta una profonda conoscenza del mondo digital. Ha all'attivo il lancio di due startup ed è cofondatore della web agency NPCREW. Viaggia ogni volta che può, adora i burritos, le discese in neve fresca e i Sigur Ròs.

Leggi altri articoli