Scegli la tua città
Scegli la tua città

Un canederlo può salvarti la vita: ecco il migliore di Bolzano

“Cosa si fa di bello a Bolzano durante le domeniche d’autunno?” Ve lo dico io. Si abbinano le passeggiate in montagna, in mezzo alle foglie dai colori caldi e le castagne sparse sul terreno, con la gastronomia locale da assaporare nelle osterie contadine chiamate Buschenschank, dove a farla da padrone è il canederlo, o knödel, se preferite il suo nome tedesco.

Il piatto inventato sotto minaccia è diventato il simbolo della gastronomia di Bolzano: il canederlo

Foto di Verena Del Manzo

Per scoprire la storia del canederlo, sono andata a pochi chilometri dal centro di Bolzano per incontrare Peter Mayr e sua figlia Sigrid, proprietari del Ristorante Bad St. Isidor, perché so che nessuno meglio di loro riesce a spiegarmi il significato del canederlo, la cui ricetta è fondamentale nella cultura gastronomica altoatesina e che è tramandata di padre in figlia.

Sigrid mi racconta che è un piatto molto amato, perché racchiude la storia e la tradizione dei contadini di montagna che con tanto amore e dedizione coltivano gli ingredienti semplici e genuini necessari per creare poi questa prelibatezza.

Il piatto inventato sotto minaccia è diventato il simbolo della gastronomia di Bolzano: il canederlo

Foto di Verena Del Manzo

La tradizione risale a moltissimo tempo fa, quando i saccheggiatori Lanzichenecchi attraversarono il Tirolo molto affamati e arrivarono in un maso altoatesino: il comandante minacciò di appiccare il fuoco alla casa se non avessero avuto subito qualcosa da mangiare.

La contadina del maso era a casa da sola, ma senza spaventarsi si mise al lavoro creando queste palle di pane, che piacquero talmente tanto da salvare il maso ed entrare nella storia.

Il piatto inventato sotto minaccia è diventato il simbolo della gastronomia di Bolzano: il canederlo

Foto di Verena Del Manzo

Fin dalle origini, la ricetta prevede che il pane venga tagliato in piccoli pezzetti, con l’aggiunta di erbette, un po’ di speck, uova, farina, latte e sale. Il tutto mescolato assieme per creare un’unica pasta, poi divisa per formare delle palle che vengono in seguito buttate nell’acqua bollente salata o nel brodo.

Il piatto inventato sotto minaccia è diventato il simbolo della gastronomia di Bolzano: il canederlo

Foto di Verena Del Manzo

La ricetta di base del canederlo è rimasta la stessa ma Sigrid ci spiega che sono state apportate delle piccole modifiche per renderla ancora più saporita. Ad esempio, lei fa rosolare la cipolla nel burro fuso, si aggiunge lo speck e si unisce il tutto agli altri ingredienti in modo da formare un’ unico impasto per poi essere diviso in palle da 5/6 cm.

In questa fase è importante che il pane venga lavorato con delicatezza, in modo che non si spiaccichi e che conservi la sua struttura porosa. Lo Knödel non deve essere né asciutto né molle e se si vuole servirlo in brodo, va messo in acqua salata bollente e poi cotto per quindici minuti circa al minimo bollore. Pochi ingredienti in grado di creare qualcosa di eccellente.

Il piatto inventato sotto minaccia è diventato il simbolo della gastronomia di Bolzano: il canederlo

Foto di Verena Del Manzo

Possiamo trovare vari tipi di canederli: al formaggio, agli spinaci, alla rapa rossa e alla carota, vera specialità di Peter. Vanno gustati con un condimento semplice, con un po’ di burro fuso e salvia. Però non bisogna lasciarseli scappare nemmeno nella loro versione dolce, con ripieno all’albicocca e prugne. 

Il piatto inventato sotto minaccia è diventato il simbolo della gastronomia di Bolzano: il canederlo

Foto di Verena Del Manzo

Anche in centro a Bolzano, ovviamente sono parecchi i locali che offrono questa prelibatezza. Li possiamo trovare tranquillamente in ristoranti come il Voegele, la birreria Forst e il Cavallino Bianco. Locali tipici che regalano il sapore altoatesino locale a tutti i loro ospiti.

L'autore: Verena Del Manzo

Mi chiamo Verena Del Manzo sono nata e cresciuta a mele e Strudel a Bolzano ma con sangue abruzzese, forte e gentile, che scorre nelle mie vene. Fashion blogger per passione, contributor per un Blog dedicato agli innamorati che stanno per sposarsi in Alto Adige dove do suggerimenti e consigli di Outfit a spose, invitati e tanto altro. Sono una accumulatrice seriale di trucchi, pazza per lo shopping, disordinatissima nella vita privata, ma con le idee chiare e precise sulle mie passioni. I miei migliori amici di viaggio sono un block notes e l’immancabile smartphone. Fotografo e scrivo tutto quello che mi accade, tanto da diventare insopportabile per chi mi sta attorno.

Leggi altri articoli