Scegli la tua città
Scegli la tua città

Esterno Notte: il cinema all’aperto di Bergamo dove si proietta l’alba

Esterno Notte è un vero e proprio must dell’estate bergamasca: il nostro cinema all’aperto, nel cortile della Biblioteca Caversazzi, pronto ad accogliere tutte le sere chi non è scappato al mare, da giugno fino al 2 Settembre.

Per la bella stagione, i migliori film della stagione invernale nel cortile della biblioteca Caversazzi di Bergamo: 400 posti a sedere, fino a settembre

Così, venendo dal centro e imboccando il famoso Sentierone, procedendo oltre il monumento al Donizzetti, mi sono trovato di fronte alla carissima luminaria di Esterno Notte: non mi ero neanche informato sul film che avrei visto tanta è la fiducia che ripongo nei ragazzi di Lab80. Sono loro che da decenni gestiscono il cinema bello nella mia città, organizzando tra le altre cose il leggendario Bergamo Film Meeting. Così ho preso posto mentre calava la luce del sole, si spegnevano i fari del cortile e iniziava Lady Bird, di Greta Gerwig.Per la bella stagione, i migliori film della stagione invernale nel cortile della biblioteca Caversazzi di Bergamo: 400 posti a sedere, fino a settembre

Come mia usanza durante tutte le proiezioni di Esterno Notte, all’intervallo ho comprato qualcosa al piccolo bar allestito dall’organizzazione, i pop corn costano pochissimo e ci sono sempre i ghiaccioli. Inutile dire che la mia fiducia era ben riposta e Lady Bird mi è piaciuto moltissimo. Sono riuscito, dopo la proiezione, a scambiare quattro chiacchiere con una delle persone che ha avuto, ormai non pochi anni fa, l’ottima idea di inventarsi Esterno Notte, Angelo Signorelli, storico volto di Lab80.

Per la bella stagione, i migliori film della stagione invernale nel cortile della biblioteca Caversazzi di Bergamo: 400 posti a sedere, fino a settembre

Angelo mi ha raccontato che è ormai 37 anni che esiste Esterno Notte, e l’idea in realtà è nata dalla diffusa pratica negli anni 60 di inaugurare arene estive per proiettare film: prima di Esterno Notte, sempre in zona, dall’altra parte della strada, sorgeva un più antico cinema all’aperto. In tutti questi anni di cose ne sono successe, alcune vecchie edizioni contemplavano pure maratone notturne, e la gente portava cuscini e materassi. A un certo punto dietro allo schermo vedevi spuntare l’alba. Angelo dice che non si fa più perché i tempi sono cambiati, e la gente vuole andare a letto presto.
In particolare ricorda due aneddoti connessi a due proiezioni.

Per la bella stagione, i migliori film della stagione invernale nel cortile della biblioteca Caversazzi di Bergamo: 400 posti a sedere, fino a settembreIl primo aneddoto: “Una volta avevamo fatto questa cosa che per la proiezione di Antarctica [film del 1983 sulla storia di alcuni cani sopravvissuti a un abbandono in mezzo all’Antartide] regalavamo il biglietto a chi portava il cane. Un signore si è presentato con 7 cuccioli per 7 biglietti. Non era semplicissimo seguire il film, ma era molto bello vedere quando partivano tutti ad abbaiare”.

Per la bella stagione, i migliori film della stagione invernale nel cortile della biblioteca Caversazzi di Bergamo: 400 posti a sedere, fino a settembre

L’altra proiezione che ricorda bene è quella di Alive, del 1993: “Il film raccontava la sopravvivenza di alcuni superstiti a un incidente aereo avvenuto sulle Ande negli anni ’70, dove i sopravvissuti hanno dovuto persino mangiare i cadaveri dei compagni. A un certo punto della proiezione si è messo a diluviare, ma l’intero pubblico era talmente rapito dalla vicenda che nessuno si è mosso dalla sedia, tutti a fissare lo schermo sotto l’acqua”.

Per la bella stagione, i migliori film della stagione invernale nel cortile della biblioteca Caversazzi di Bergamo: 400 posti a sedere, fino a settembreEsterno Notte va avanti tutta l’estate, per gli appassionati e per gli occasionali.  E non ha intenzione di cedere il passo anche per i prossimi anni. Vengono proiettati i migliori film della stagione 2017/2018 e ogni Mercoledì un classico scelto dai pesi massimi di Lab80.

L'autore: Pietro Raimondi

Gli avi di Pietro Raimondi popolavano le distese umide del Cremasco. Per un incrocio di piccole migrazioni lui è nato a Bergamo e ora se ne sta su un tram a Milano. Scrive canzoni per Montag, per i Majno e vorrebbe scriverle per chiunque. Studia lettere, ma sta cercando di smettere. Si dice sia nella misteriosa redazione di Rockit e che gli scappino articoli per Dailybest. Quando gli chiedono cosa fai risponde boh adesso vediamo.

FIND THESE PRODUCTS IN OUR LOCAL STORE
OR IN OUR ONLINE STORE

SUN68 Bergamo

Unconventional clothes for everyday situations.
Via Sant’Orsola 21/b, Bergamo
Whatsapp 344.2435719

Leggi altri articoli