Scegli la tua città
Scegli la tua città

C’è un nuovo piatto tipico in città: Hamburger a Piacenza

Se nasci a Piacenza, hai da poco imparato a camminare che già conosci tutto sui piatti tipici della tua città e sei pronto a difendere Tortelli e Pisarei e Fasò da ingerenze forestiere. Poi cresci e avverti quel bisogno così incongruo con il tuo essere piacentino ed è allora che sei pronto per il grande tradimento. Perché a volte occorre una nota diversa sul palato, che ti faccia chiudere gli occhi, trascinandoti a forza lontano dalla nebbia appiccicosa. È in quel preciso momento che esci di casa e con la bramosia del cercatore d’oro setacci la città in cerca di hamburger a Piacenza.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto via Facebook

Il peccato, si sa, è dietro l’angolo e se abiti in centro ti ammicca dalle vetrine del Walker Burger, una via nascosta, guarda caso, dietro l’angolo della piazza principale e che porta il nome di Illica, celebre librettista.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto di Filippo Lezoli

Il giogo per i buoi sulla parete detta al locale la sua anima country. I tavoli in legno e il sorriso di Roberto, il titolare, fanno il resto.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto di Filippo Lezoli

Il menù scritto sulla lavagna attira il mio sguardo sul Big Burger solo per «very hungry», sdoganando gli inglesismi perché qui il “Food” strizza l’occhio al “Fast”, ma è “Smart”. Da tradursi: “Fresco”.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto via Facebook

Si diceva, ancora pochi anni fa, che nessuno da queste parti avrebbe scambiato un panino al salame con queste “cialtronerie culinarie” arrivate da lontano. Ma ora i tempi sono cotti al punto giusto. Come la carne dello Skiathos, birreria che si sta guadagnando la fama di hamburgheria per i suoi ottimi panini che traboccano salse. Nome da isola greca, ma più vicino di quella, non è lontano dal Pubblico Passeggio dove sgranchirsi le gambe dopo l’abbuffata.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto via Facebook

Ai margini della città, invece, il Nessie è un pub all’inglese che, per non dare adito ad equivoci, si trova di fianco al “Canale della Fame”, così chiamato perché la sua edificazione diede da mangiare ai manovali che lo costruirono e alle loro famiglie indigenti.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto via Facebook

Accoglie grandi compagnie e ti sorprende facendo di te lo chef del tuo panino.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto via Facebook

Il mercoledì infatti il cliente diventa l’architetto del suo hamburger scegliendo gli ingredienti, anche se per me le fantasie si fermano sempre al «basta che ci sia dentro il Bacon».

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto via Facebook

Per alleviare il tradimento alla piacentinità, il reprobo ha una possibilità: l’hamburger territoriale, grazie al quale il chilometro Zero diventa Vero. L’Hamburgheria a km Vero mi sussurra la qualità nell’arredo raffinato del locale: lampadari vintage, cucina a vista.

Tortelli e Pisarei lasciano il posto, e il piatto, agli hamburger. Viaggio fra quattro tipiche hamburgerie di Piacenza, per tutti i gusti e tutte le salse

Foto via Facebook

La conferma è negli ingredienti dei suoi piatti a Km vero, tra i quali puoi ordinare l’hamburger di cavallo, animale che da queste parti fa rima anche con la pìcula ad caval, che scrive Aldo Buzzi in Uovo alla Kok «è un misto tra spezzatino e ragù, non adatto agli ipersensibili». Allora sì che, quando esco, posso camminare a testa alta – e pancia piena – sotto lo sguardo dei due cavalli in bronzo (ops…) che da 400 anni custodiscono la piazza.

 

L'autore: Filippo Lezoli

Giornalista, si interessa di arte e dintorni. Gli piace camminare per le strade raccogliendo appunti, osservare le persone e lasciarsi attrarre dai luoghi. Perché, scriveva Caproni, "non sei mai dove sai".

Leggi altri articoli