Scegli la tua città
Scegli la tua città

Da Geppi a Jacaranda: via Corsico, la via musicale di Milano

Questo è un percorso che ho fatto decine di volte. Passando per la Darsena, l’antico porto della città riqualificato con l’Expo, con una passeggiata senza le macchine a vista raggiungo i Navigli e mi immergo in una delle immagini simbolo di Milano. Sto per incontrare Daniele, che li vive da molti anni e all’improvviso li ha visti cambiare. Mi fermo davanti a Jacaranda. Le chitarre di Daniele, creatore di questa liuteria, vengono prodotte in via Corsico dal 1999.
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

Per lui questa vetrina è stata una finestra per vedere passare tutti. Via Corsico se la ricorda con i laboratori artigiani, qualche ditta di restauro, un tabacchi, con le macchine che l’attraversavano e pochi turisti.
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

L’ambiente era popolare, il che voleva dire cene nei cortili dei palazzi ma anche poche prospettive di veder crescere i propri progetti. Non si ambiva a restare qui, ma piuttosto a trovare il modo di spostarsi in una zona più sviluppata della città.

Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

Daniele, terminati gli studi presso la scuola di liuteria di Carlo Raspagni, apre il suo laboratorio. Che questo sia il suo luogo più importante lo si capisce dall’atmosfera privata che emana, piena della vitalità del legno ma anche di molta cura e disciplina. 
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

La cosa più sorprendente per lui è aver visto arrivare quei musicisti che ascoltava e che negli anni sono diventati suoi clienti. Le chitarre e i bassi realizzati a mano hanno fatto fermare qui davanti chiunque. Daniele mi racconta di quando negli anni ’90 gli sembrò di riconoscere due sagome al di là della vetrina. Ad un certo punto li vide scappare rincorsi da un gruppo di fan. Erano Simon Le Bon e John Taylor dei Duran Duran. Musicisti di ogni parte del mondo iniziano a frequentare Jacaranda. Spesso si fermano a provare le chitarre mentre lui è intento al lavoro.
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

Mi dice che essere un artigiano gli ha fatto bene e che ha potuto viaggiare senza muoversi perché tutto lo raggiunge qui. 

Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

Mi racconta poi che via Corsico oltre ad un passato artigiano ha avuto anche un particolare legame con il riutilizzo delle cose. Il Libraccio, Il Discomane, luoghi storici dell’usato, e la rivista Secondamano sono tutti nati qui alla fine degli anni 70. E non è quindi un caso che il progetto Da Geppi abbia trovato spazio fra le vetrine di Jacaranda
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

L’apparecchiatura dal fascino vintage ruba immediatamente lo sguardo di chi ha la passione per il suono di alta qualità.
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

Questo temporary shop è fatto di pezzi unici, batterie elettroniche degli anni ’70, amplificatori con cui gli Afterhours e altre band storiche del rock italiano hanno registrato i loro dischi, riverberi lexicon e altri pezzi da studio per gli amanti delle apparecchiature ormai introvabili.
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

Geppi Cuscito, bassista dei Casino Royale, ha sviluppato un talento parallelo ai live con la band, quello di ricercare e rimettere in circolo questi pezzi così preziosi, con una storia, e di farlo in un contesto, quello di via Corsico che sembra sempre più il Music Distric di Milano. 
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

 Seguitelo e scoprirete quando avrà luogo il music party per celebrare la sua passione. Quella che lo ha portato portato qui, ad un passo dall’Elita BAR, il progetto di Alioscia Bisceglia dei Casino, dalla minipostazione di Radio Raheem e da molti altri spazi che in modo più o meno informale fanno circolare creazioni musicali ed eventi artistici. 
Sui Navigli in pochi metri di strada, convivono una liuteria, un temporary shop di strumenti musicali d'autore, programmi radio in vetrina e cocktail bar

Foto di Paola Menzella

 Si ricomincia così a cenare tutti insieme, magari sul terrazzo condominiale che affaccia sulla chiesa, in sottofondo un dj set. E la socialità ritrova ancora un altro modo per ripopolare i Navigli. 

L'autore: Carmela Menzella

Nata a Matera, ha studiato lingue a Roma e lavorato principalmente nel campo dell'interpretariato e della mediazione per i diritti umani. Da qualche anno a Milano, decide di scoprirla raccogliendo storie legate al cortocircuito fra passato e contemporaneità.

Leggi altri articoli