Scegli la tua città
Scegli la tua città

Natale after party: i 4 locali notturni migliori di Brescia

Negli ultimi anni la Brescia notturna ha vissuto una riscossa importante. Oggi la città è un posto pieno di cose da fare per passare una serata divertente. Tantissimi bar e locali, molti davvero interessanti, hanno aperto negli ultimi tempi, disposti su una specie di linea immaginaria che da Piazzale Arnaldo, passa per via Trieste e via Cattaneo, taglia in Piazza Duomo per poi passare per Piazza Vittoria e finire nel cuore del Carmine. Camminando per questa zona di venerdì sera rimarrete piacevolmente colpiti dal fermento nelle strade. Per il post serata ci sono i locali di musica live come Lio Bar e Latteria Molloy e poi i club come Palace e Disco Volante, posti da tenere in considerazione se avete deciso di tirar tardi.

1. Brick Lane OldTime-Club

Brick Lane è la pepita di via Cattaneo, il posto perfetto per cominciare una serata con la giusta progressione. È il mio preferito dei tanti locali spuntati recentemente in quest’area, una vera tana per lupi notturni. Recatevi qui dopo cena e parlate con il barman meno loquace che abbiate mai incontrato.

12800168_505417066308251_8299781628458140325_n

Credtis: Birck Lane Old Time Club

Una bottigliera di distillati pregiati e una scelta di cocktail di tutto rispetto, altamente consigliabile farsi guidare dall’oste. Se amate il biliardo nella stanza adiacente c’è un tavolo che vi aspetta, anche se l’attesa per il vostro turno potrebbe farvi vacillare; altrimenti accomodatevi sui divani nella piccola stanza con il pianoforte. Godetevi il drink ma non fermatevi troppo, fuori ci sono un sacco di posti dove proseguire la vostra serata.

Serata consigliata: sempre, specialmente se piove.

2. M Bar

Il Carmine è la zona più soggetta alla gentrificazione degli ultimi anni. L’area è passata da difficile  quartiere multirazziale a sede dei bar tra i più chic della città, e la trasformazione non è ancora completata.

15625726_622381971282413_2169377771356558616_o

Credtis: M Bar

M bar è la più recente apertura nel Carmine. Un bar innovativo per Brescia, se più o meno tutti gli altri locali dell’area sono allineati proponendo cocktails di qualità e gin ricercati, abbinati ad una proposta musicale generalista, a volumi bassi e un arredamento hipster-nostrano, qui la è formula è differente. M Bar, in Contrada del Carmine, è un locale d’ispirazione rave religiosamente dedicato alla musica. Il piccolo spazio è attrezzato con consolle e un impianto audio pazzesco, e di fianco ai baristi ci sono i dj. Qui si beve “UK beer” in lattina (ma anche cocktails) su un bancone di legno giallo abbastanza improvvisato, e dietro il bar non ci sono trecento bottiglie diverse.

15585299_622382347949042_1072305706471075068_o

Credtis: M Bar

M Bar è una discoteca underground dentro un locale di pochi metri quadri. Ha inaugurato pochi giorni fa e si preannuncia una serie di serate molto calde durante queste vacanze natalizie. Un dj set quasi ogni sera, dalla tecno da degustazione alla grime inglese più ruvida, spesso vedrete girare dischi in vinile come da migliore tradizione. M Bar è l’underground che finalmente è atterrato nel centro del Carmine. Da consumarsi preferibilmente a stomaco vuoto.

Serata consigliata: venerdì elettronico. 23 Dicembre.

3. RANDOM @ Lio Bar

Una volta passata la mezzanotte tra i bar del centro è ora per voi e il vostro gruppo di festanti compagni di battaglie di pensare al futuro. Come già detto Brescia offre una buona scelta per il post-serata e tra tutti sicuramente c’è Lio Bar. Un’istituzione per la musica live in città, da anni propone coraggiosamente performances di band indipendenti da tutto il mondo. Famoso per la serata di culto del martedì estivo, il Lio offre anche parties di tutto rispetto.

RANDOM

Credtis: Random @ Lio Bar

RANDOM è sicuramente la punta di diamante per il Lio versione dancefloor. Un sabato al mese, da un paio d’anni, mette la musica Peak Nick, il dj più eclettico che riuscirete a trovare; già resident del Link di Bologna negli anni ’90 e del Plastic di Milano, a Random vi accompagnerà fino all’alba facendovi ballare nelle mura sudicie del Lio. Il dj set attacca intorno all’1 e nelle successive quattro ore si passerà da 140 bpm su fino a 180, passando per musica etnica, rock ’50, new wave, new rave, hip-hop golden age. Non importa il genere, per Peak Nick il gusto è l’unica cosa che conta e state sicuri che suonerà solo il meglio. Il prossimo RANDOM sarà la notte della vigilia, non vorrete farvi trovare in casa a guardar Netflix quando Babbo Natale arriverà per lasciarvi i regali sotto l’albero.

Serata consigliata: Random, 24 Dicembre.

4. Clique @ Palace Club

L’ultima tappa consigliata per queste vacanze non poteva che essere Clique. Festeggiate la notte di uscita dal Natale sotto le casse del Palace, il club dentro il palazzo più alto della città. Ai piatti a rotazione tutto il roster di dj che girano intorno a Clique Club, che seleziona rigorosamente tecno e  tech-house.

15626183_1154604257980304_5196028775207174302_o

Credtis: Clique @ Palace Club

Unico vero club a Brescia, sia per dimensioni che per continuità nell’offerta di serate, il pubblico di Clique è unico a suo modo, molte facce giovani e abbigliamento street, chi popola Clique tende ad essere recidivo. Per il bene dei soldati della cassa dritta gli impianti audio sono di livello in entrambe le sale.

15540974_1154596811314382_5656116665737218241_o

Credits: Clique @ Palace Club

È decisamente il posto giusto per scrollarsi di dosso le lunghe ore a tavola e le canzoncine delle pubblicità che vi assillano da settimane. Se a chiusura locale alle 4:00 vi sentite ancora troppo carichi per tornare in porto potete proseguire la planata, l’after party di Clique a poche centinaia di metri dal Palace è a portata di mano ed è spesso lì che succedono le cose più interessanti.

L'autore: Leonardo Maccagnola

Leonardo Maccagnola si occupa di mobile marketing e progetti di comunicazione come freelance. Appassionato di bella musica e film con tanti cattivi, dorme tantissimo, è dipendente dal tabasco e ha paura dell’arrivo delle AI. Vuole diventare nomade digitale per cambiare nazione due volte l’anno.

Leggi altri articoli