Scegli la tua città
Scegli la tua città

Tra silenzio e natura: la laguna nord a tre passi da Jesolo

Jesolo è da sempre sinonimo di musica, brulichio di persone e spiagge attrezzate; sembra quasi impossibile che a pochi chilometri di distanza in linea d’aria si estenda la Laguna Nord e il suo arcipelago di isole, molte delle quali immerse nel silenzio e pressoché deserte. Se siete appassionati di natura e storia lasciatevi rapire dal fascino di tre di queste isole, lontane dai percorsi turistici più affollati: vi conquisteranno con il loro silenzio e la loro quiete.

1. L’isola di Torcello
Insediamento originario del popolo veneziano, l’isola era abitata già ai tempi dell’Impero Romano. Ospita la basilica più antica della laguna, in stile veneto-bizantino risalente a oltre mille anni fa. L’isola è abitata da meno di venti persone ed è un vero e proprio museo a cielo aperto: passeggiare tra le rovine romane e le stradine dell’isola vi porterà indietro nel tempo.

2. L’isola di San Michele

San Michele Arcangelo
Credit: Marco Zanetti

Abitata fin dal X secolo, a seguito di un ordine napoleonico di inizio 1800, quest’isola è diventata il cimitero di Venezia, ancora oggi in uso. La meta può sembrare strana, ma l’isola è davvero una delle chicche della Laguna Nord: oltre alla chiesa di San Michele Arcangelo, risalente alla metà del XIV secolo, ospita tombe monumentali e di illustri artisti come Igor’ Stravinskij ed Ezra Pound, che scelsero di essere seppelliti a Venezia. Passeggiare nei viali alberati di questo luogo di quiete, guardando Venezia da lontano, è un’esperienza unica.

San Michele Arcangelo
Credit: Marco Zanetti

3. L’isola di Sant’Erasmo

Isola di Sant’Erasmo, Torre Massimiliana
Credit: Didier Descouens

È la più grande isola della laguna per estensione dopo Venezia ed è considerata da sempre l’Orto dei Veneziani. Sono pochissimi gli abitanti; oltre a un ristorante e un bar, sull’isola si alternano campi e vigneti e si possono trovare piccole spiagge incontaminate. Perdersi tra il verde della campagna lambita dalle acque della laguna è uno dei piaceri che offre quest’isola. Non lasciatevi sfuggire le prelibatezze gastronomiche, come le castraure, piccoli carciofi violetti coltivati solo a Sant’Erasmo, che assomigliano a delle rose appena sbocciate.

Tutte le isole sono raggiungibili con vaporetti o ferry boat in partenza da Punta Sabbioni. Per info su orari e tariffe vai sul sito di Actv.

L'autore: Martina Gonano

Nata giusto giusto a metà degli anni ‘80, ha studiato comunicazione e si occupa di sostenibilità. Nella sua borsa non mancano mai penne di ogni tipo e foglietti dove appunta sogni fatti la notte prima e numeri di telefono, che puntualmente perde. Adora viaggiare, scarabocchiare e sperimentare cose nuove in cucina. Vorrebbe giornate di 48 ore per poter fare tutte le cose che ha in mente.

Leggi altri articoli