Scegli la tua città
Scegli la tua città

La Serra dei Giardini di Venezia: il posto più naturale dove prendere un caffè, un tè, una pianta

Un pomeriggio d’inverno, a Venezia, un turista esce dal locale al civico 1254 di Via Garibaldi con in tasca un souvenir inedito: una piccola busta di semi di pomodoro, che cercherà di far crescere al suo ritorno a casa.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino

Siamo alla Serra dei Giardini di Venezia, rivendita di piante con caffetteria, soppalco e giardino, gestita dalla Cooperativa Nonsoloverde a pochi passi dai Giardini della Biennale, nel sestiere di Castello. Un caffè botanico – o una serra per una pausa al verde –, all’interno di un padiglione in stile Liberty di 180 metri quadrati, divisi fra negozio di piante e caffetteria: è nella nota 6234 del 3 agosto 1893 che il Genio Civile Municipale presenta il progetto di “una serra in ferro e vetri per custodia delle palme e delle piante” dell’Esposizione Internazionale d’Arte, in seguito destinata anche alla coltivazione di fiori per le aiuole comunali di Venezia e del Lido.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino, modella Sara Follador

Tra bonsai, bulbi e orchidee, oggi la Serra propone centrifughe, snack anche vegetariani – inclusi toast classici, toast vegetariano con melanzane e provola e apprezzate torte salate, oggi con verdure miste o con radicchio e speck – e dolci fatti in casa.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino

A raccontare l’attenzione nei confronti dell’ambiente come parte importante della filosofia del locale è Anna, studentessa trevigiana di lingue che lavora qui tre giorni a settimana:”La nostra è una clientela turistica, in particolare nei periodi della Biennale, ma abbiamo anche molti clienti abituali fra residenti e universitari che vengono qui a studiare.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino

“Ci scelgono anche per il rispetto – dice Anna – che cerchiamo di avere verso la natura: in tutto il locale non utilizziamo plastica, scegliamo prodotti biologici, inclusi vini e una selezione di birre artigianali, e li serviamo in stoviglie compostabili in amido di riso, cannucce incluse. Organizziamo eventi con i presidi Slow Food. E, nel periodo di Natale, vendiamo alberi che possono poi essere riconsegnati a noi per una nuova piantumazione”. 

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino

La relazione fra uomo e natura è anche al centro delle iniziative organizzate all’interno della Serra da Microclima, progetto culturale fondato da Paolo Rosso – che si occupa inoltre di residenze artistiche e progetti di ricerca nel nord-est dell’India, a Cuba e in Mongolia: “Microclima nasce nel 2011, quando, dopo anni di abbandono, venne concluso il restauro della Serra da parte del Comune e la struttura fu riaperta al pubblico. Il progetto ha un nome parallelo a ciò che è la Serra: un microclima culturale, non in senso aulico ma come luogo ibrido, con una visione a tutto tondo di spazio pubblico”.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino, modella Sara Follador

“Il primo evento che organizzammo – continua a raccontare Paolo Rosso – fu la creazione di una macchina a effetto domino, realizzata dai bambini di Castello insieme a un artista neozelandese. L’anno scorso, insieme alla Kunsthalle di Zurigo abbiamo creato Il Giardino dei Bambini Non Accompagnati, un calendario di eventi estivi che ha trasformato i giardini in un parco giochi”. Nel comunicato dell’ultimo appuntamento, si legge: “fototrappole per spiare gli animali, lenti d’ingrandimento e una piccola biblioteca saranno gli strumenti del gioco, che porterà a costruire un museo di quanto è invisibile agli occhi dei meno attenti”.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino

Nell’estate del 2012, una roulotte targata BV340WL viene caricata su una chiatta e trasportata via acqua fino ai Giardini. In un video su YouTube, un ragazzo con la testa infilata all’interno di una gigantesca lampadina presenta l’iniziativa, sempre realizzata da Microclima, come “uno studio di registrazione itinerante, un’idea magnifica, un’idea illuminata. Nel vostro paese guardatevi intorno, Studio Roulotte è vicino a voi”. È così che per tutta l’estate lo studio, allestito a bordo della roulotte e parcheggiato nel giardino della Serra, accoglie live con sessioni di registrazione e dj-set di artisti locali, accanto a presentazioni di libri, documentari proiettati in giardino ed eventi collaterali della Biennale d’Arte, laboratori, performance e sessioni di yoga.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino

Dal ripiano centrale di una libreria che propone riviste e libri specializzati in giardinaggio, un volume promette di insegnare i segreti per la cura degli agrumi ornamentali, l’indice del testo anticipa una sapienza quasi medica applicata al mondo botanico.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino

Non lontano, una trentina di barattoli rivela combinazioni differenti di infusi biologici, dalla rosa canina alla liquirizia con menta.

Edificata nel 1894 per ospitare le piante dell'Esposizione Internazionale dell'Arte, oggi la Serra dei Giardini di Venezia è un caffè botanico

Foto di Giulia Callino, modella Sara Follador

A pochi minuti alle venti, in prossimità della chiusura della Serra, un signore entra per acquistare come ogni anno una stella di Natale, di ritorno da lavoro: a ben guardare, insieme a una pianta porta così verso casa anche una tradizione. Cresciuta dietro a un vetro con vista laguna.

 

L'autore: Giulia Callino

Scrive di musica per Rockit.it e realizza reportage narrativi per CTRL Magazine. Ama la fotografia e si occupa di live photography. Le interessa indagare le storie degli altri, perché nel raccontarle scopre anche la sua.

FIND SUN68 PRODUCTS IN OUR LOCAL STORE
OR IN OUR ONLINE STORE

SUN68 Jesolo

Unconventional clothes for everyday situations.
Via Bafile 91, Jesolo
Whatsapp 342.3967518

Leggi altri articoli