Scegli la tua città
Scegli la tua città

Le 9 cose da fare in provincia quando hai ospiti dagli States

L’estate è ormai arrivata, da queste parti; le giornate sembrano non finire mai, il sole splende alto nel cielo e diciamocelo, comincia quella voglia di weekend al mare ed aperitivi sulla spiaggia. Mi alzo per preparare la colazione, un po’ arruffato e con in mente ben scandito il programma della giornata. A4, verso Milano: Fondazione Prada, California Bakery, la visita al Cenacolo e poi di corsa, sul lago di Como, per un aperitivo. Poi domani si va a Verona, il giorno dopo alle Cinque Terre ed il giorno dopo ancora a Torino. “Saranno giornate intense”, penso. Avere ospiti da New York City, abituati ad avere il meglio di ogni cosa, ti mette un po’ di ansia da prestazione: vuoi fare bella figura, esaltando le doti dei luoghi in cui vivi e mostrandone solo il meglio. Quindi beh, meglio tenerli lontani dalla provincia brutta ed utilizzarla come semplice dormitorio, no? Abitassi a Firenze o Venezia, farei molta meno fatica.

Iseo Credit: Michele Pagani

Iseo

E invece no, i miei amici yankees mi hanno insegnato il contrario: si sono esaltati per il caffè della moka, per la bontà del nostro pane e per il rito dell’aperitivo. Mi hanno chiesto stupiti se si potesse mangiare del Grana Padano rientrati dalla discoteca e hanno fotografato il tramonto sui campi di grano, sorridendo. Insomma, mi hanno fatto capire che la Grande Bellezza è anche nelle piccole cose della nostra vita di provincia. Sotto sotto, forse, non fa tutto così schifo e anzi, troppo spesso ci troviamo tra le mani dei tesori che nemmeno ci rendiamo conto di avere.
Ecco quindi che ho stilato la lista delle nove cose (stra)ordinarie da fare in provincia quando si hanno ospiti dagli States, tra una visita al Duomo di Milano e un tour all’Arena di Verona.

1. Fare colazione alla Pasticceria Da Roberto, a Erbusco
Via Provinciale 38, Erbusco (BS)

I macaron della Pasticceria Da Roberto

Paste e brioche sono da impazzire e il cappuccio è fatto a regola d’arte. L’ambiente è elegante e perfetto per cominciare al meglio la giornata. C’è solo da convincere gli americani che sia illegale bere il cappuccio dopo pranzo e che il bacon, qui, lo vediamo solo da Mc Donald’s, nel Crispy.

2. Salire sulla Torre del Popolo di Palazzolo sull’Oglio
Via Torre del Popolo, Palazzolo sull’Oglio (BS)

Torre del Popolo

È aperta la domenica d’estate. Si sale la lunga scalinata a chiocciola che porta verso la cima dei suoi 91 metri, dove spicca San Fedele, che domina la città. La vista è pazzesca, a 360 gradi. Si vede l’intera Pianura Padana, da Milano a Brescia: un panorama bellissimo che nemmeno il top del Rockefeller Center può battere.

3. Passeggiare in centro a Iseo

Due passi tra gli eleganti negozi e i vicoletti del centro, meglio se nel tardo pomeriggio. Si sbuca poi a bordo lago e ci si siede su una panchina, magari con un gelato in mano, a prendere un po’ di fresco venticello in faccia ed aspettare il tramonto. Magico.

4. Bersi un bicchiere di bollicine alla Dispensa Pani e Vini
Via Principe Umberto 23, Torbiato (BS)

È un po’ ristorante e un po’ bottega, un po’ bar e un po’ osteria. La selezione di Franciacorta è inimitabile, così come la qualità di salumi e formaggi. Un bicchiere di Millesimato e due stuzzichini, giusto prima di cena… Altro che Meatpacking District.

5. Fare due passi tra i sentieri della Riserva Naturale Torbiere del Sebino
Per raggiungere la Riserva Naturale: www.torbieresebino.it/dove-siamo 

È un paesaggio quasi alieno, fatto di pozze d’acqua, canneti e sentieri. Si possono vedere molti uccelli e la leggenda narra sia stata avvistata pure una pantera, tra i cespugli. Fatto sta che due passi in questa oasi naturale, a pochi minuti da Brescia, sono un modo perfetto per staccare la spina.

6. Mangiare una pizza alla Pizzeria Al Fienile
Via Dogane 1, Palazzolo sull’Oglio (BS)

Pizzeria Al Fienile Credit: Michele Pagani

Pizzeria Al Fienile

Gli ingredienti del Presidio Slow Food e la bontà dell’impasto fanno di questa pizzeria un fiore all’occhiello dell’enogastronomia locale. Consiglio la Ecce Pizza, col cornicione ripieno, accompagnata da una birra artigianale. E per finire, un dolce da fare invidia pure a Magnolia Bakery.

7. Perdersi tra le vigne della Franciacorta

È quasi un gioco: provare a inventare scorciatoie tra Provaglio, Passirano e Ome, per poi perdere completamente la bussola. Ed ecco che prima di rifugiarsi nel GPS, ci si può godere il panorama e la calma di colline, campi e vigneti, magari fermandosi a chiedere un sorso di brut in qualche cantina aperta.

8. Farsi un brunch sulla terrazza dell’Albereta
Via Vittorio Emanuele 23, Erbusco (BS)

Ogni domenica, dalla tarda mattinata, ci si può godere il buffet caldo sulla splendida terrazza dell’Albereta. Una vista suggestiva sulle vigne, silenzio e tranquillità. “Gazzetta e Bellavista, grazie”.

9. Ascoltarsi un live al Belleville di Paratico
Via Guglielmo Marconi, Paratico (BS)

Belleville Credit: Michele Pagani

Belleville

Il locale è splendido, realizzato in un vecchio deposito a pochi passi dal lago. La vista pure è fantastica, così come la cura con cui viene realizzato il Moscow Mule. E poi beh, la migliore musica indipendente italiana passa da qui, insieme a spettacoli teatrali e reading. Un vero caffè letterario, a due passi dal lago.

Chissà che anche voi, un giorno, vi troverete nella stessa situazione. Sarà l’occasione per rendervi conto di quante cose stupende riempiano la vostra quotidianità. Non è poi così male, questa nostra piccola Grande Bellezza.

Credits delle foto: Michele Pagani

L'autore: Michele Pagani

Michele Pagani è consulente di digital strategy, mobile e web marketing. Ex research assistant presso l'Università Bocconi di Milano, vanta una profonda conoscenza del mondo digital. Ha all'attivo il lancio di due startup ed è cofondatore della web agency NPCREW. Viaggia ogni volta che può, adora i burritos, le discese in neve fresca e i Sigur Ròs.

Leggi altri articoli