Scegli la tua città
Scegli la tua città

Dalla California all’eccellenza italiana: i 5 skatepark di Milano

Felpa con il cappuccio, pantaloni ampi e tavola sotto i piedi. Sono gli skateboarder. Definirli semplicemente sportivi sarebbe riduttivo. Sotto sotto, sono estremi, come è estremo il surf, attività dalla quale la loro disciplina deriva: non a caso si sviluppa in California sul finire degli anni ’60, per poi espandersi altrove, Milano inclusa. Qui allenarsi non è più un problema, grazie agli spot storici e quelli più recenti, magari sognando i Giochi Olimpici di Tokyo del 2020: per la prima volta lo skate entrerà in gara.

1. MC
Lo chiamano “MC”, con tanto di pronuncia all’americana, e sta per Milano Centrale. Da 20 anni, Piazza Duca d’Aosta è il ritrovo principale degli skateboarder cittadini e non. Ragazzi di ogni nazionalità e modelli ai nastri di partenza della settimana della Moda si incontrano la con tavola sotto il braccio per allenarsi a cielo aperto, sfrecciando e saltando sui muretti sotto gli occhi di turisti incuriositi.

Milano Centrale

2. Skatepark Parco Lambro

Realizzato nel 2002, lo Skatepark Parco Lambro (meglio conosciuto come LambBrooklyn), è stato pensato per chi vuole sfidare pendenze e adrenalina. Nascosto fra la natura, si presenta come una pista di 400 metri quadrati in cemento, che in gergo tecnico si chiama bowl. Unico requisito richiesto: lasciarsi andare in totale libertà a salti e acrobazie.

lambroIMG_8925 IMG_8931 IMG_8920

3. GratoBowl
Nel quartiere di Gratosoglio, a sud, sorge quello che è stato ribattezzato come GratoBowl. Si tratta di un’area progettata dal Comune insieme all’associazione Milano Skateboarding. Aperta a tutti, è stata inaugurata nel 2015 nello stesso luogo dove ventidue anni fa nasceva il primo skatepark italiano. Progettato dallo studio TAMassociati, risulta così all’avanguardia da essere stato voluto nell’ultima edizione della Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia (Padiglione Italia, all’interno d).

4. Parco Travaglia
A Corsico, immerso nel Parco Travaglia, si trova uno skatepark aperto a tutti. Ai meno esperti si consiglia di andare prima delle 16: dopo, si riempie di appassionati navigati e pronti a sfrecciare da un lato all’altro della pista sfidando diverse altezze e mettendosi alla prova con una pseudo-spina larga 50 cm.

Gli spazi per gli amanti della tavola su quattro ruote potrebbero non finire qui. Il comune, in collaborazione con l’associazione Milano Skateboarding, ha deciso di recuperare ben due aree per accontentare nuove (e vecchie) generazioni che amano gli sport urbani. Dove? Sotto il cavalcavia del Ghisallo, nella periferia nord: qui sorgerà il più grande skatepark coperto della città; e sotto il ponte di Viale Rubattino: ci si aspetta uno spazio a cielo aperto, che non avrà nulla da invidiare agli spot londinesi più cool.

Credits delle foto: Sara Emma Cervo

 

 

L'autore: Sara Emma Cervo

Capisce di voler lavorare nell’editoria dopo aver letto il romanzo “Sushi per principianti”. Così dopo la laurea a Roma in Storia dell’Arte, si trasferisce a Milano in cerca di una redazione, prima come Photoeditor poi come Web Content Editor. Ora studia per diventare una vera social media manager.

Leggi altri articoli